IL GOVERNATORE BARDI SU CONTE

 IL GOVERNATORE BARDI SU CONTE

Emergenza Coronavirus, il governatore della Basilicata Vito Bardi sottolinea che bisognerebbe ripensare al nostro modello economico per poter davvero ripartire con lo sviluppo. “Dobbiamo ripensare il nostro modello economico, puntando sicuramente sul turismo e sulla rete delle piccole e medie industrie, anche artigiane, di cui la Basilicata è ricca”. “Avremo un piano per poter far ripartire il turismo in sicurezza. Studiato con tutti gli attori del settore. Noi siamo pronti. Quello che manca ad oggi sono le linee guida del governo per la mobilità interregionale. E dire che le stiamo chiedendo da tempo. Il recente decreto del governo Conte – ha detto Bardi – annuncia ma non definisce nel dettaglio molti provvedimenti e non ha una visione d’insieme rispetto agli asset produttivi del Paese.

Manca ad esempio una politica di rilancio del turismo che rischia di essere il settore più penalizzato, pur rappresentando il 15 % del Pil nazionale. Il sistema delle Regioni ha chiesto al Governo di ripartire ma il vero problema è quello di avere line guida univoche e di lasciare alle Regioni l’onere delle decisioni finali. L’autonomia regionale non va messa in discussione e dobbiamo puntare a snellire la macchina dello Stato che continua a costare troppo e non produce gli effetti desiderati. La crisi ha dimostrato che la burocrazia statale ammazza ogni tentativo di ripresa economica. Sburocratizzare, snellire le procedure, mettere al centro dell’azione il cittadino, sono gli obiettivi del nostro governo di centrodestra per la Basilicata.

Bisogna rafforzare il sistema delle autonomie e sono favorevole ad una macroregione che dia più peso politico ed economico all’intero Mezzogiorno. I sistemi sanitari regionali differenziati – ha concluso il presidente – sono frutto di scelte statali e di mancati trasferimenti ai sistemi sanitari regionali del Mezzogiorno. Tutto ciò ha creato, nel corso degli anni, una oggettiva disparità tra i vari sistemi sanitari. L’Italia ha investito poco sulla sanità negli ultimi 30 anni e la pandemia non ha fatto altro che mettere alla luce deficit e mancanze che si erano accumulate negli anni. Dobbiamo pensare a un nuovo modello sanitario basato su equità e giustizia e restituendo al sud quanto fino ad ora dirottato in altre regioni del Paese”.

di Dennis Romano

Dennis Romano

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *