LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DANZA E IL LUCANIA DANCE FESTIVAL

 LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DANZA E IL LUCANIA DANCE FESTIVAL

Il 29 aprile si è festeggiata la Giornata internazionale della danza. Giornata promossa dall’Unesco sin dal 1982 che intende ricordare, promuovere ed omaggiare il mondo della danza. Un mondo toccato duramente da questa situazione emergenziale che ha sospeso ogni attività già da quasi due mesi e non offre spiragli prossimi di riapertura. Voci in Gioco ha voluto esserci, grazie all’invito dell’associazione Les Arts di Potenza che ha organizzato nella stessa giornata, volutamente, la terza edizione del Lucania Dance Festival in modalità on line. Un successo. Les Arts e la sua presidente, la docente Luana D’Anzi, hanno avuto una intuizione straordinaria invitando ospiti prestigiosi ed aprendo un dibattito di livello assoluto sul mondo della danza per festeggiare con attenta riflessione la giornata internazionale.

Una prima parte della nostra diretta facebook con la madre artistica della danza moderna italiana, Elsa Piperno; con una delle eccellenze della danza classica italiana, Clarissa Mucci; con un grande coreografo e meraviglioso ex ballerino come Fabrizio Mainini (lo ricordiamo esibirsi con Heater Parisi e la Cuccarini); con la fantastica ballerina e docente Caterina Rago che ha ballato su palcoscenici come Broadway e ha fondato una compagnia di danza a New York; con il maestro Bruno Carioti, compositore di rango internazionale per musica applicata alle immagini (autore della musica di oltre 400 documentari, fiction e sigle) ma anche presidente della Conferenza dei direttori dei Conservatori italiana, componente di varie commissioni ministeriali ed ex commissario dell’Accademia Nazionale di danza. Un dibattito molto interessante che ha attirato centinaia di ascoltatori in diretta. Tanti gli spunti, dalla passione per la danza all’evoluzione di questa nel tempo, dalla presenza diversa in televisione e nei video clip rispetto al passato al momento difficile di oggi.

Nella seconda parte invece si è data luce alla terza edizione del Lucania Dance Festival che grazie alla meravigliosa intuizione dell’organizzatrice, Luana D’Anzi, ha avuto un successo incredibile. Oltre 2 mila le mail arrivate, circa 400 i video esaminati da una giuria di alto livello composta oltre che dalla docente D’Anzi, da insegnanti come Amanda Vinciguerra, Alessandra Bianchini, Ludovica Logiudice, dal maestro Bruno Carioti, dal coreografo Fabrizio Mainini e dai ballerini Enrico Alunni e Mirco Bonelli.

Un successo grandissimo con decine di borse di studio assegnate (che saranno disponibili quanto la pandemia lo permetterà) ed offerte da insegnanti e da scuole anche estere. I vincitori sono senz’altro stati felici perché il concorso, per quanto la modalità sia stata diversa e mai sperimentata in Italia, ha avuto uno svolgimento di totale serietà, come specificato dal presidente della giuria Carioti, ed ha ritenuto opportuno in alcune categorie non assegnare il primo premio per non aver ottenuto il minimo del punteggio. Infine un grande ringraziamento lo si deve a questi ragazzi che hanno partecipato dando un segnale importante di vitalità. “La danza c’è e l’abbiamo ritrovata in un abbraccio virtuale – ha sottolineato l’organizzatrice, D’Anzi – il nostro linguaggio con il corpo e con l’anima soffre questo distanziamento come mai, ma ha grande forza e tenacia per tornare a far sognare tutti, ragazzi, danzatori e pubblico”.

di Lucia Verrastro

Lucia Verrastro

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *