LA SOCIETA’ RITROVI I VALORI ALTRO CHE ANTIPOLITICA

 LA SOCIETA’ RITROVI I VALORI ALTRO CHE ANTIPOLITICA

Dopo il battage mediatico e social contro le due assessore che hanno percepito il bonus partite iva per il Covid è in arrivo un terremoto politico in seno alla Giunta del Comune di Potenza. Eppure senza discutere sul diritto o meno del gruppo di Idea di sfiduciare la propria assessora Padula ci pare tutto molto, forse troppo, impulsivo. Forsanche sbagliato. La nostra non vuole essere una difesa di ufficio rispetto ad un diritto conseguito che avrebbe però violato l’etica del provvedimento e della politica in generale. Non una difesa di ufficio nei confronti delle assessore Padula e Guma che non ne hanno bisogno e magari hanno solo agito in maniera superficiale. Noi crediamo che l’etica e la morale debba essere in ognuno di noi e non dubitiamo che le due assessore ne abbiano tanta, dubitiamo piuttosto in chi ha presentato questa notizia come un delitto, un crimine o peggio ancora.

Quelle gogne sui social sono deprecabili. Ricorderemmo a tutti la parabola “chi è senza peccato scagli la prima pietra” ma tant’è. Prima di tutto ci piacerebbe sapere come queste notizie vengano fuori visto che siamo di fronte a dati sensibili dell’Inps, ma soprattutto ci piacerebbe che il classico perbenismo italiano si confronti sempre con l’etica, quella vera. Ogni giorno e con tutti. Perché il ragazzo che distrugge la panchina non è giustificabile così come l’operaio di una municipalizzata che prende il sole invece di lavorare o ancora come il dipendente pubblico che gioca al solitario al computer, o a chi evade quotidianamente le tasse ed ancora ed ancora. La verità è che bisognerebbe lavorare tutti insieme per cambiare davvero la cultura di un popolo che ha perso il riferimento ai propri sani valori.

Siamo una società malata e i politici non sono altro che i frutti, alcuni marci o poco maturi, di un albero malato nelle radici. I politici non sono extraterrestri venuti da Marte da criticare, crocifiggere, delegittimare; non sono una categoria a parte, ma sono, prima di diventare politici, cittadini esattamente come ognuno di noi. E allora dovremmo anche ridare dignità alla politica che dovrebbe avere i giusti guadagni perché fare politica ha enormi costi in termini di tempo e sacrifici. Altrimenti facciamo filosofia o ipocrisia come i Cinque Stelle. Certamente chi dovesse violare la legge (non l’etica, questa la giudicheranno i partiti o gli elettori al voto) dovrebbe pagare ma questa regola dovrebbe valere sempre. Anche per la magistratura, vero potere occulto della democrazia italiana. Il qualunquismo, il dagli all’untore, le monetine su Craxi le abbiamo viste e hanno sempre prodotto mostri.

di Pietro Soldo

Pietro Soldo

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *