(parte 1) IL DARIO DI UN VIAGGIATORE The American Dream

 (parte 1) IL DARIO DI UN VIAGGIATORE The American Dream

Dal mio primo diario di viaggio americano (21-04-2015). Il mio sogno di visitare gli Stati Uniti si è avverato. Dopo un lungo volo stavo per arrivare negli USA. Appena scesi dall’aereo la prima cosa che notai era la moquette, il settore arrivi dell’aeroporto di Philadelphia era infatti tutto interamente tappezzato di moquette, saloni giganteschi di sola moquette, questo mi confermava che gli americani adorano davvero tanto questo materiale e lo usano ovunque.

Alla dogana vi era una poliziotta che controllava i documenti, prendeva le impronte digitali di entrambe le mani, faceva un paio di foto con la webcam e mi rivolgeva una sorta di interrogatorio che sarà durato quasi 20 minuti sul perché ero venuto negli Stati Uniti, dove volevo andare, dove avrei dormito, da dove avevo preso i soldi per arrivare, etc.

Stremato dal viaggio e dall’amichevole benvenuto, uscii dopo quasi un’ora dall’aeroporto e provai per la prima volta la piacevole sensazione di sentirmi dall’altro lato del mondo, letteralmente e figurativamente, ovvero credevo di avere un mondo davanti tutto da scoprire, un mondo di cui sapevo moltissime cose che durante il viaggio avrei avuto modo di confermare ma anche pieno di nuove curiose sorprese che magari avrei potuto scoprire.

Presa l’auto ci dirigemmo verso l’hotel e intanto ammiravo estasiato il panorama e i grattacieli di Philadelphia che ti fanno sentire così tanto “in America”. Una sensazione meravigliosa, mi sentivo perso tra quelle enormi opere e immerso in un brulichio frenetico di gente operativa. Arrivato in hotel andai a dormire presto. Il giorno dopo mi aspettavano 7 ore di viaggio in auto per andare da Philadelphia (Pennsylvania) a Durham (North Carolina) dove risiedeva temporaneamente mia cugina. Avremmo attraversato la Interstate 95, che è un po’ come la nostra autostrada adriatica A14, e collega la parte nord con la parte sud della costa orientale.

di Simone Daraio / Leukos

Leukos

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *