ULTIM’ORA BASILICATA

 ULTIM’ORA BASILICATA

Emergenza Covid-19, aggiornamento del 1° settembre (dati 31 agosto). La task
force regionale comunica che ieri 31 agosto sono stati processati 462 tamponi per
la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 1 è risultato positivo e riguarda una
persona residente nel Comune di Sant’Angelo Le Fratte. Con questo
aggiornamento i lucani positivi restano 29. Attualmente sono 2 i ricoverati nelle
strutture ospedaliere lucane: uno nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale
‘San Carlo’ di Potenza e l’altro nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale
‘Madonna delle Grazie’ di Matera. I lucani in isolamento domiciliare sono 28.
Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 56.739 tamponi, di cui
55.092 risultati negativi.
Ritardo servizio navette Matera-aeroporto di Bari. L’assessore regionale alle
Infrastrutture Merra dopo aver ricordato che la Regione Basilicata ha già messo le
risorse a disposizione invita Provincia e Comune di Matera ad evitare il rimpallo di
responsabilità e a dialogare per far partire il servizio navette per il collegamento
tra Matera e l’aeroporto di Bari.
Nuovi programmi industriali della FCA di Melfi. “I nuovi programmi industriali
della Fca di Melfi, conseguenti alla piena saturazione sulla linea Jeep Renegade e
500X con venti turni settimanali e l’avvio del lavoro straordinario per far fronte
alle crescenti richieste di auto prodotte nello stabilimento lucano, in particolare i
modelli “ibridi”, sono l’approdo di un percorso di un lungo ed appassionato lavoro
che la Regione sta svolgendo da mesi in sinergia con la direzione Fca e i sindacati”.
Lo afferma l’assessore alle Attività Produttive Francesco Cupparo, esprimendo
anche a nome del Presidente Bardi, “il riconoscimento alla direzione Fca
dell’impegno a superare i non pochi problemi del mercato nazionale ed
internazionale dell’auto, conseguenti alla pandemia, impegno che sta dando
risultati importanti”.
Tpl, Merra: “Da Ministero trasporti nessuna soluzione concreta”. Per l’assessore

regionale alle Mobilità, il Ministero continua a scaricare il problema del trasporto
scolastico sulle Regioni e per questo motivo l’unica soluzione per superare
l’insufficienza di risorse e di mezzi è quello di lezioni scolastiche al 50 per cento in
presenza e al 50 per cento in distanza, almeno per gli istituti superiori. “Il governo
continua a fare male i conti, a trascurare una serie di aspetti fondamentali: nella
riorganizzazione delle aree e dei mezzi per la didattica, ad esempio, manca l’anello
di congiunzione fondamentale che è quello del trasporto. Sulla materia a livello
governativo non c’è stato alcun coordinamento reale, non si sono trovate risorse”.
Bardi: la Basilicata non è un territorio marginale. “De Gasperi e i padri della
Costituzione decisero che gli interessi dei territori più piccoli dovessero avere la
stessa rilevanza di realtà più forti e più popolose. Di qui la scelta delle Regioni a
Statuto speciale per rafforzare le regioni di “confine” o quella di dare più voce ai
cittadini di aree meno popolate, come la Basilicata, attraverso i propri
rappresentanti in Parlamento. Una scelta di tutela della democrazia, sconfessata
dal ministro degli Esteri Di Maio, che, per sostenere le ragioni del Sì al taglio dei
parlamentari, ha dichiarato che sette senatori per la Basilicata sono troppi. Senza
entrare nel merito del dibattito costituzionalista, mi preme ricordare a Di Maio che
la Lucania non è una regione marginale. La Basilicata, pur con piccoli numeri, ha
molte potenzialità e molte risorse. Si pensi, per esempio al petrolio, grazie al quale
contribuiamo e non poco al fabbisogno energetico del Paese. Togliere ai lucani la
possibilità di eleggere parte dei senatori, il cui numero sarebbe decurtato con la
riforma, significherebbe attutire la voce della Basilicata nel Parlamento. Nelle
scelte essenziali il piatto della bilancia penderebbe a favore delle Regioni più forti,
quali quelle del Nord. Mi chiedo, allora, a chi giova tutto questo? Non certo ai
lucani che invito ad opporsi a una riduzione della rappresentanza parlamentare
che, se passasse, accentuerebbero gli squilibri e il divario tra i territori. I veri nemici
della Basilicata non sono in Parlamento. Sono, invece, coloro che volendo incidere
sulla rappresentanza indiretta, principio sul quale si fonda la nostra Costituzione,
intendono riportare il popolo lucano nella marginalità”.
“Pacchetto Turismo”: salgono a 1.365 i beneficiari con impegno spesa di 9,2
milioni di euro. Con la pubblicazione oggi sul sito istituzionale della Regione
( www.regione.basilicata.it ) dell’elenco n.8 di ulteriori Soggetti Beneficiari

dell’Avviso Pubblico “Pacchetto Turismo” (strutture ricettive, stabilimenti balneari,
ristoranti, agenzie di viaggio), si raggiunge il numero complessivo di 1.356
soggetti beneficiari, per i quali sono stati predisposti, ad oggi, i provvedimenti di
impegno per complessivi 9.260.853,20 euro e di liquidazione per complessivi
9.060.853,20 euro.
di Lucia Verrastro

Lucia Verrastro

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *