ULTIM’ORA BASILICATA

 ULTIM’ORA BASILICATA

Emergenza covid-19, aggiornamento dati processati il 07 dicembre 2020. Eseguiti 1.095 tamponi di cui risultano positivi 59 lucani: 1 ad Abriola, 13 ad Avigliano di Lucania, 5 a Barile, 1 a Calvello, 1 a Ferrandina, 1 a Grassano, 1 a Lauria, 1 Lavello, 8 a Matera, 4 a Melfi, 1 a Miglionico, 1 a Montescaglioso, 2 a Pignola, 12 a Potenza, 1 a Rapolla, 1 a Ripacandida, 1 a Rotondella, 1 a Salandra, 1 a Scanzano Jonico, 1 a Tursi, 1 a Venosa. Risultano guarite 103 persone. Ricoverati totali attuali 136, presso il San Carlo di Potenza 34 alle Malattie Infettive, 30 in Pneumologia, 11 in Medicina d’Urgenza e 6 in Terapia Intensiva; presso il Madonna delle Grazie di Matera 36 alle Malattie Infettive, 10 in Pneumologia e 9 in Terapia Intensiva. E’ deceduta 1 persona a Matera. In totale sino ad oggi sono stati eseguiti 162.939 tamponi dei quali 151.827 negativi. Attualmente i positivi sono 6.166 di cui 6.030 in isolamento domiciliare.

In Basilicata domani riaprono le scuole medie ed elementari. Lo ha deciso il presidente Bardi che, sulla base dei dati sanitari raccolti dalla task force regionale, ha ritenuto di non dover emettere nessuna ulteriore ordinanza di proroga della chiusura delle scuole. Quindi anche in Lucania da domani sarà pienamente attivo il dpcm del governo Conte, che prevede, appunto, la presenza in classe degli alunni dai 6 ai 10 anni e dai 11 ai 13 anni.Le strutture sanitarie regionali infatti hanno reso noto che gli andamenti dei contagi per la fascia di popolazione scolastica che va dai 6 ai 13 anni ha invertito decisamente la rotta, riducendosi, rispetto al picco registrato, dell’ 81,17% per la scuola secondaria di primo grado e del 55,71% per la scuola primaria. La campagna di screening della popolazione scolastica, estesa a tutte le componenti del mondo della scuola, confermano il dato dei monitoraggi compiuto dalla task force regionale. Ad oggi sono stati eseguiti circa 11mila test rapidi genici, concentrati soprattutto nei capoluoghi di provincia di Potenza e di Matera e in alcuni dei maggiori centri lucani.

Mobilità scolastica, Merra: “Insediato coordinamento in Prefettura”. L’assessore regionale alle Infrastrutture, Donatella Merra ha partecipato alla prima riunione del tavolo di concertazione previsto dall’ultimo Dpcm per il raccordo dei sistemi di trasporto con gli orari delle prossime attività scolastiche. “Partiamo da un dato: per questa emergenza sanitaria il governo nazionale ha destinato ad oggi alla Basilicata 17 milioni di euro per l’implementazione degli organici nelle scuole e soli 600 mila euro sul potenziamento del trasporto di linea, ai quali attendiamo ancora che si aggiungano gli ulteriori 600 mila del secondo riparto promessi dal Mit nell’accordo con le Regioni del 31 agosto. Ad ogni buon conto abbiamo cercato con tutte le nostre forze, fino ad oggi, di contemperare le esigenze della sicurezza con quelle di un bilancio che, soprattutto per quanto concerne il trasporto soffre enormemente delle scelte compiute negli ultimi 15 anni”

Demanio marittimo, Merra: “Governo difenda le nostre coste”. “Gli sforzi da noi condivisi e profusi per garantire stabilità al settore dei balneari in un momento storico di grave crisi, confluiti nell’emendamento alla proposta di legge di revisione normativa sulle concessioni demaniali, vanno in netto contrasto con l’immobilismo del governo nazionale, ma soprattutto con l’atteggiamento dell’Unione europea sulla materia”. Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Donatella Merra, nel riferirsi alla lettera di messa in mora da parte dell’Unione europea al governo italiano, in cui si sostiene che l’estensione delle concessioni demaniali marittime fino al 2033 senza bando di gara sarebbe in contrasto con il diritto europeo. La Basilicata ha creduto e continua a credere nella legittimità dell’estensione. Parliamo di interventi che si basano, tra l’altro, su una legge dello Stato italiano perfettamente vigente, che consente in un periodo di pandemia, di estendere le concessioni demaniali marittime fino al 2033. Il governo nazionale avrebbe dovuto intervenire in maniera forte nei confronti di Bruxelles, per difendere i nostri imprenditori da rischiose scalate di multinazionali straniere, da anni interessate alle nostre splendide coste e che sarebbero possibili se si seguissero le direttive dell’Unione Europea sulla materia”.

Presto un Piano dei lidi lucano. Gli uffici regionali hanno a disposizione un anno per completare la ricognizione dei litorali lucani che approderà al Piano dei lidi di cui la Regione Basilicata avrebbe dovuto dotarsi già da tempo”.

Ospedale di Matera, ass. Leone: “Scongiurata chiusura reparti”. La giunta regionale della Basilicata ha approvato una delibera che, fino al 31 dicembre 2022, annulla gli effetti dei provvedimenti emanati dal governo Pittella nel 2015 e nel 2017 che decretavano, a partire dal 2020, la chiusura di alcune strutture complesse negli ospedali lucani. “Pertanto – dice l’assessore regionale alla Sanità Leone – i cittadini di Matera possono stare tranquilli, l’ospedale ‘Madonna delle Grazie’ non si tocca e continueremo a lavorare per potenziarlo”

Emergenza Covid-19, rivisto il prezzario regionale. L’esecutivo lucano ha apportato alcune modifiche alle tariffe, con particolare riferimento a presidi e attrezzature; una prima revisione all’Appendice dei prezzi Covid-19 ed è stato formalizzato, con un ulteriore provvedimento, alcune correzioni alla vigente “Tariffa unificata di riferimento dei prezzi per l’esecuzione di opere pubbliche della Regione Basilicata”.

di Lucia Verrastro

Lucia Verrastro

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *