ULTIM’ORA BASILICATA

 ULTIM’ORA BASILICATA

Emergenza covid-19, aggiornamento dati di martedì 15 dicembre sui tamponi processati il 14 dicembre.Sono 64 i nuovi casi di positività su 922 tamponi processati nella giornata di ieri, 60 i residenti lucani. I guariti di oggi sono 46. Si registrano purtroppo 5decessi. In particolare i positivi di oggi sono: 8 persone residenti ad Avigliano, 4 a Bella, 1 a Bernalda, 1 a Brienza, 2 a Castelgrande, 1 a Castelsaraceno, 5 a Ferrandina, 1 a Genzano di Lucania, 1 a Grassano, 1 a Lagonegro, 1 a Marsico Nuovo, 5 a Marsicovetere, 3 a Matera, 1 a Melfi, 2 a Miglionico, 1 a Montescaglioso, 4 a Muro Lucano, 2 a Pietragalla, 1 a Pignola, 1 a Pisticci, 8 a Potenza, 1 a Rapolla, 2 a Rapone, 1 a Ripacandida,  1 a Salandra, 1 a Scanzano Jonico. I ricoverati in ospedale sono 117 di cui 11 in Terapia intensiva, 5 al San Carlo di Potenza e 6 al Madonna delle Grazie di Matera. Sino ad ora sono stati eseguiti complessivamente 168.405tamponi di cui 156.791 sono risultati negativi. Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 5.975.

Banda di trafficanti sgominata in Basilicata. Nelle prime ore di martedì mattina i Carabinieri del R.O.S. e della Compagnia di Policoro hanno eseguito una Ordinanza di Custodia Cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Potenza, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia che ha coordinato le indagini, nei confronti di 18 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di aver fatto parte di una associazione dedita al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare eroina, cocaina e marijuana. Il sodalizio criminale individuato è operante lungo il litorale jonico-lucano, principalmente nei comuni di Tursi (MT) e Policoro (MT), e si approvvigionava principalmente attraverso fornitori albanesi, in collegamento con il proprio paese d’origine, da dove giungeva la droga.

Assessore Cupparo: i dati Istat sono negativi e peggiori soprattutto e specialmente al Sud. “I dati diffusi dal report Istat su “Al Sud il 31,9% delle imprese prevede di non riaprire, rispetto al 27,6% del Centro, al 23% del Nord-ovest e al 13,8% del Nord-est – sono la prova dell’errore della scelta del Governo di riservare al Mezzogiorno appena il 34% delle risorse del Recovery Fund”. E’ quanto afferma l’Assessore alle Attività Produttive Francesco Cupparo per il quale “si rischia di vanificare tutti gli sforzi fatti dalla Giunta Regionale con le misure di aiuti ai titolari di piccole e medie imprese, liberi professionisti e possessori di partiva Iva allo scopo di favorire la ripresa”. “E’ bene ricordare al Governo che l’Istituto di statistica segnala che l’85% delle unità produttive “chiuse” sono microimprese e si concentrano nel settore dei servizi non commerciali. Ancora: le attività sportive e di intrattenimento presentano la più alta incidenza di chiusura, seguite dai servizi alberghieri e ricettivi e dalle case da gioco. Una quota significativa di imprese attualmente non operative si riscontra anchenel settore della ristorazione e in quello del commercio al dettaglio; il 28,3% degli esercizi al dettaglio chiusi non prevede di riaprire rispetto all’11,3% delle strutture ricettive, al 14,6% delle attività sportive e di intrattenimento e al 17,3% delle imprese di servizi di ristorazione non operative”.

Gara regionale Trasporto: avviata la prima consultazione pubblica. Il 21 dicembre, con una procedura di consultazione pubblica, saranno varati i principali contenuti delle procedure di gara 

Terme di Latronico: co-finanziamento di 3 milioni di euro della Regione. La Giunta Regionale nella sua ultima riunione ha deliberato un finanziamento di 3 milioni di euro a favore del piano di investimenti che prevede la riqualificazione e l’ampliamento di un complesso turistico e la realizzazione di un Centro Sensoriale, a seguito di interventi su fabbricati siti nel comune di Latronico in Contrada “La Calda”, già utilizzati per turismo termale. La Regione sostiene l’Accordo di Programma per la riqualificazione e l’ampliamento del complesso turistico e termale di Latronico. I costi complessivi del progetto, presentato da Russit srl, ammontano a circa 23,58 milioni di euro, di cui 11,2 milioni finanziati dal MiSE. La realizzazione del programma determinerà l’occupazione di 45 unità lavorative.

Presentazione primo Igp “Olio Lucano”: intervento di Fanelli

Arriva il primo Olio IGP lucano. La presentazione dell’Olio lucano rappresenta un traguardo di assoluto prestigio per il mondo agricolo lucano. L’attuale campagna olivicola per la nostra regione sarà certamente storica perché è la prima che ha dato inizio alla produzione di “Olio Lucano Igp” certificato e sarà sicuramente un piacere cominciare a vedere in vendita le confezioni di olio fregiate con il bellissimo logotipo. 

di Lucia Verrastro

Lucia Verrastro

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *