ULTIM’ORA BASILICATA

 ULTIM’ORA BASILICATA

Emergenza covid-19, aggiornamento del 5 gennaio (dati 4 gennaio). La task force regionale comunica che ieri, 4 gennaio, sono stati processati 928 tamponi di cui 60 (e fra questi 51 residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Le positività lucane riscontrate riguardano: 3 di Avigliano, 1 di Balvano in isolamento a Potenza, 2 di Banzi, 1 di Bella, 5 di Brienza di cui 1 in isolamento a Roma, 1 di Craco in isolamento a Pisticci, 1 Genzano di Lucania, 1 di Ginestra, 1 di Laurenzana, 1 di Lauria, 4 di Lavello, 1 di Maratea, 2 di Matera, 1 di Oppido Lucano, 1 di Pietragalla, 1 di Pignola, 1 di Pisticci, 2 di Pomarico, 5 di Potenza, 3 di Rapolla, 3 di Rionero in Vulture, 2 di Rotondella, 4 di Sant’Angelo Le Fratte, 1 di Tito, 3 di Vaglio Basilicata. Inoltre, è deceduta 1 persona residente a Potenza. Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 5.967 di cui 5.870 in isolamento domiciliare. Sono 4.627 le persone residenti in Basilicata guarite dall’inizio dell’emergenza sanitaria e 261 quelle decedute. Le persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane sono 97: a Potenza 35 pazienti sono ricoverati nel reparto di Malattie infettive, 25 in Pneumologia, 1 in Terapia intensiva e 11 in Medicina d’urgenza dell’ospedale San Carlo; a Matera 13 persone si trovano nel reparto di Malattie infettive, 3 in Terapia intensiva e 9 in Pneumologia dell’ospedale ‘Madonna delle Grazie’. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 187.668 tamponi, di cui 174.292 risultati negativi, e sono state testate 119.357 persone.

Visita di Bardi presso l’Ospedale da campo di Potenza. Il primo padiglione della struttura è stato messo in campo per consentire la campagna vaccinale anticovid. “Con l’impiego nella campagna vaccinale anticovid il primo padiglione dell’Ospedale da campo di Potenza trova una sua funzionalità operativa che consente di mantenere pienamente efficienti tutti gli spazi e le funzioni delle strutture ospedaliere”.È quanto ha dichiarato questa mattina il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, nel corso di una visita all’Ospedale da campo di Potenza.Al momento la situazione è sotto controllo, sia in terapia intensiva che negli altri reparti, ha riferito il Presidente della Regione escludendo il rischio per la Basilicata di entrare in zona rossa.“Siamo valutando con il Governo – ha annunciato infine Bardi – se far partire le scuole l’11 oppure a fine mese. Per prendere questa decisione dobbiamo essere molto cauti e attendere l’evolversi della situazione, considerato che questo tipo di apertura ‘a fisarmonica’ potrebbe avere una ricaduta sull’andamento del virus”.

Assessore Cupparo su “Stellantis” e attività di Api-Bas. “La nascita di Stellantis, attraverso la fusione tra Fca e Psa, crea grandi aspettative sul futuro dello stabilimento di Melfi e vedrà al più presto la Giunta Regionale riprendere il dialogo con il nuovo management del Gruppo, a partire dallo stato di avanzamento del Contratto di Sviluppo firmato con Invitalia-Mise, che prevede investimenti per 136 milioni di euro, con il cofinanziamento da parte della Regione Basilicata (2 milioni), che sposta a Melfi la produzione della Jeep Compass ICE, introducendo quella del modello PHEV (plug-in hybrid electric vehicle) ed amplia la capacità produttiva dello stabilimento lucano”. E’ quanto sottolinea l’assessore regionale alle Attività Produttive Francesco Cupparo, ricordando gli incontri e i contatti che ha tenuto, durante l’anno che si è appena concluso.

Rendiconto 2018, raddoppia il disavanzo. La Giunta regionale, recependo le misure correttive sollevate dalla sezione regionale di controllo della Corte dei Conti di Basilicata con la decisione n.42/2020 (Parificazione di bilancio) ha approvato le modifiche al rendiconto generale per l’esercizio finanziario 2018.A seguito delle modifiche richieste dalla Corte dei conti il disavanzo di amministrazione relativo all’esercizio 2018 è stato rideterminato passando da circa 22 milioni di euro a circa 42.La giunta regionale esprime il proprio “rammarico per l’aumento di circa 20 milioni di euro del disavanzo relativo al 2018 perché limita la capacità di spesa della Regione per un importo considerevole. Si tratta di una pesante eredità che ci arriva dal recente passato e che ha precise responsabilità politiche in coloro che hanno governato la Basilicata prima di noi e che oggi troppo spesso raccontano ai cittadini lucani verità contorte. Ma la verità dei numeri è incontrovertibile e oggi siamo costretti a fare i conti con 20 milioni di euro in meno”.

Ricerca scientifica, la Regione punta su 4 nuove infrastrutture. È stata pubblicata sul bollettino ufficiale regionale del 16 dicembre la determinazione dirigenziale dell’Ufficio Internazionalizzazione, ricerca scientifica ed innovazione tecnologica che ha approvato la graduatoria dei progetti selezionati a valere sull’Avviso pubblico per il sostegno a progetti di rafforzamento e ampliamento delle infrastrutture di ricerca regionali finanziate nell’ambito dell’Asse 1 del POR FESR Basilicata 2014/2020. L’Avviso, approvato con la deliberazione della Giunta regionale n. 402 del 28 giugno 2019, aveva la finalità di selezionare cinque Infrastrutture di ricerca tra quelle inserite nel Piano regionale delle Infrastrutture di Ricerca, una per ciascuna delle aree previste dalla strategia regionale di specializzazione intelligente (S3): aerospazio; automotive; bioeconomia; energia ed industria culturale e creativa.

di Lucia Verrastro

Lucia Verrastro

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *