ULTIM’ORA BASILICATA

 ULTIM’ORA BASILICATA

Emergenza covid-19, aggiornamento del 26 febbraio (dati 25/2). La task force regionale comunica che ieri, 25 febbraio, sono stati processati 1.085 tamponi di cui 90 (e fra questi 85 relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Le positività lucane riguardano: 1 residente ad Atella, 2 ad Avigliano, 4 a Bernalda, 1 a Ferrandina, 4 a Genzano, 3 a Grottole, 1 a Latronico, 2 a Lauria, 20 a Matera, 1 a Melfi, 12 a Montescaglioso, 3 a Nova Siri, 1 a Pescopagano, 3 a Pignola, 4 a Pisticci, 3 a Policoro, 5 a Potenza, 1 a Sant’Arcangelo, 3 a Senise, 1 a Tito, 1 a Vaglio, 1 a Valsinni, 8 a Venosa. Nella stessa giornata risultano guarite 90 persone. Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 3.645, di cui 3.558 in isolamento domiciliare. Sono 10.986 le persone residenti in Basilicata guarite dall’inizio dell’emergenza sanitaria e 358 quelle decedute. Le persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane sono 87: a Potenza 27 pazienti sono ricoverati nel reparto di Malattie infettive, 20 in Pneumologia, 11 in Medicina d’urgenza e 3 in Terapia intensiva dell’ospedale San Carlo; a Matera 12 persone si trovano nel reparto di Malattie infettive, 10 in Pneumologia e 4 in Terapia intensiva dell’ospedale ‘Madonna delle Grazie’. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 236.671 tamponi molecolari, di cui 218.918 sono risultati negativi, e sono state testate 144.651 persone.

Regione, disabilità gravissima: contributo mensile per l’assistenza domiciliare. Una misura di civiltà che consente di andare incontro alle esigenze reali delle persone fragili e dei loro familiari. I cittadini lucani possono fare richiesta di un contributo mensile di 500 euro per l’assistenza a domicilio delle persone con disabilità gravissima. È quanto prevede l’Avviso pubblico approvato dalla giunta regionale che, con il fattivo apporto degli Ambiti Socio-territoriali, punta a far rimanere i soggetti fragili nel proprio ambiente di vita e di relazioni sociali, evitando al contempo i ricoveri inappropriati nelle strutture residenziali.

Ai Comuni ulteriori risorse per pagamento fitti. Le risorse non utilizzate della “Quota Fondo Locazioni” assegnata lo scorso anno dal governo alla Regione Basilicata per l’emergenza Covid-19 e pari ad oltre un milione di euro saranno destinate all’integrazione dei fabbisogni comunali non soddisfatti dell’ordinario “Fondo Nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione”. Lo ha stabilito la giunta regionale lucana, con un doppio provvedimento.

Deposito scorie nucleari, presentato il documento della Regione. “Le aree individuate come potenzialmente idonee alla localizzazione del deposito nazionale e del parco tecnologico, interamente o parzialmente ricadenti nel territorio della regione Basilicata, devono essere riclassificate nell’ordine di idoneità, nel senso di una oggettiva bassa idoneità ovvero non idoneità, tale da giustificarne l’esclusione dalla Cnapi”. Si conclude così il Documento Unico delle Osservazioni Tecnico – Scientifiche (DOTS) alla “Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee per la localizzazione del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi” della Regione Basilicata.

Dipartimento attività produttive regionale smentisce presentazione progetto Exos in Val Basento. Nessun progetto per un insediamento produttivo in Val Basento da parte di una società di nome Exos è pervenuto o è stato presentato all’attuale Assessorato alle Attività Produttive della Regione.

di Lucia Verrastro

Lucia Verrastro

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *