UN FUTURO DA DISEGNARE

 UN FUTURO DA DISEGNARE

Chi governa deve essere decisionista nel bene e nel male. Il caso Floyd è esemplificativo. Una vicenda bruttissima ma che non deve dare sfogo a una massa che distrugge e depreda. Non deve sfociare nell’odio contro l’odio. Siano condannati i colpevoli assolutamente, ci sia una discussione ampia sul razzismo che ancora sopravvive negli Stati Uniti ma non sia questa la scusa per portare disordini. Quelli sono intollerabili e bene fa Trump a non permettere oltre queste proteste. Ecco, in Italia l’impressione è che invece continueremo a cantare, a ben parlare nei salotti ma a portare la croce e a non voler davvero cambiare.

Ora servirebbe decisione, la politica è DECIDERE. Il Paese aumenterà il suo debito poiché circa 80 miliardi dall’Europa saranno a fondo perduto, il resto saranno prestiti che comunque aumenteranno il debito già gigantesco dell’Italia, debito che sarà aumentato dalla mancanza di entrate per via di un Pil al ribasso e della tassazione minore oltre agli aiuti necessari già elargiti e da elargire. Si dovrà decidere dove investire con attenzione, senza soldi a pioggia ma con oculatezza, consapevoli che poi, tra un anno, il sistema dovrà camminare da solo, quindi attenzione anche alle assunzioni a pioggia nella scuola.

Giusto investire in Sanità, giustissimo nella scuola ma se contemporaneamente non si attiva il mondo produttivo approfittando di questa pandemia per dare uno shock definitivo con una forte diminuzione delle tasse, con una grande e vera riforma sulla sburocratizzazione della amministrazione, con una riforma seria della giustizia, con investimenti per l’innovazione vera delle aziende e con l’aumento delle infrastrutture, tutto sarebbe inutile. Prioritario sarebbe alleggerire il costo del lavoro, alleggerire i controlli da sceriffi sul settore produttivo, dare slancio al Paese.

di Dennis Romano

Dennis Romano

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *