WeWork: la compagnia da 47 miliardi di dollari

 WeWork: la compagnia da 47 miliardi di dollari

WeWork non è una compagnia immobiliare. È uno status mentale, una generazione di imprenditori intelligenti interconnessi emotivamente” Adam Neumann CEO di WeWork

WeWork, un nome affiancato a società come Uber e AirBNB per la crescita che ha visto protagonista questa società. Il suo modello di business è molto semplice: vengono presi in affitto per un lungo periodo di tempo degli immobili all’interno dei quali vengono organizzati spazi di coworking destinati a piccole startup o di uffici per lavoratori freelance. La compagnia nasce nel 2008 a New York city da un’idea di Adam Neumann e dell’architetto Miguel Mckelvey che fondano Green desk. L’idea è quella di sfruttare gli edifici in disuso nella città riqualificandoli e creando degli spazi di coworking adatti ai lavoratori freelance e al crescente numero di startup con richiesta di spazi adibiti al lavoro senza doversi impegnare con contratti di lungo termine. Riassumendo la storia della società:

  • 2012: viene fondata la società. Con un capitale iniziale di 1 milione di dollari. Nel corso dell’anno gli investimenti nella compagnia aumentano a 6.9 milioni di dollari. La società espande le proprie sedi iniziando ad operare anche a Los Angeles e San Francisco.
  • 2013: il capitale investito raggiunge i 14 milioni di dollari e vengono implementate sedi anche a Seattle.
  • 2014: aperte sedi anche a Washington DC e Londra, alla fine dell’anno il capitale investito raggiunge i 355 milioni di dollari.

Viene nominato presidente della compagnia Artie Minson, ex CFO di Time Warner, azione che aumenta notevolmente l’affidabilità della società nei confronti degli investitori.

  • 2016: in primavera il capitale conferito ammonta a 435 milioni di dollari e la sua valutazione in borsa raggiunse i 16 miliardi di dollari, superando società come Twitter.
  • 2017: alla fine dell’anno il capitale conferito raggiunge 640 milioni di dollari. Nel gruppo degli investitori si inserisce SoftBank investendo 4,5 miliardi di dollari di cui 3 miliardi tramite investimenti diretti e 1.4 miliardi indirizzati alla costituzione di joint ventures che hanno consentito l’avvio di WeWork Japan e WeWork China. Alla fine dell’anno i profitti superano i 900 milioni di dollari. La società conta più di 200.000 affiliati e 200 edifici a disposizione. Viene stretto un accordo di partnership con ZenDesk dove agli affiliati di WeWork vengono fornite delle suite di strumenti per il business prodotti da ZenDesk.
  • 2018: vengono stanziati in conferimenti 700 milioni di dollari.

La crescita di scala della compagnia dal 2016 al 2017 ha contribuito a diminuire i costi unitari da 14.100$/desk a 9.500$/desk. Ciò rende bene l’idea della velocità che ha caratterizzato la crescita della società. Con la fine del 2019 è avvenuto un aumento degli affiliati il cui numero supera i 400.000 e i profitti hanno raggiunto i 2,3 miliardi di dollari. L’elemento in grado di causare del sospetto nei confronti di WeWork riguarda il confronto con i propri competitors nel mercato immobiliare, società quali Regus, Vornaldo o Boston Properties. WeWork risulta una compagnia sopravvalutata notando il confronto dei profitti proprio con Regus, valutata 4 miliardi di dollari.

l che denota una condizione non proprio stabile di WeWork nel bilancio tra spese e profitti, questo squilibrio tra spese e profitti dovrebbe rappresentare un elemento di rischio e di pericolo per la società. Analizzando il target clientelare delle due società in esso si individuano lavoratori indipendenti (freelance) e piccole startup. In caso di recessione economica questi gruppi sarebbero i primi a non essere più in grado di investire e spendere nell’acquisto dei servizi forniti da WeWork o Regus. Nel caso di WeWork un’altra causa di perplessità nei confronti della società riguarda la copertura che i profitti dovrebbero dare nei confronti degli investimenti che hanno fornito la società dei suoi ingenti capitali. La differenza tra le due società risiede nella concettualizzazione delle stesse. WeWork ha creato un senso di community dando identità ad ogni spazio gestito caratterizzandolo anche grazie ad altre attività collaterali. Non si tratta più della semplice “ utilità ” di uno spazio messo a disposizione ma della creazione di un vero e proprio brand che possa sottendere ad uno stile di vita.

Tali attività collaterali comprendono l’implementazione di scuole, asili, palestre ed eventualmente anche abitazioni. Vengono anche distribuiti agli affiliati tool informatici come la suite di ZenDesk. Anche lo stesso acquisto di Meetup da parte di WeWork indica l’orientamento più “Community based” della società. Un altro modo per comprendere la differenza da WeWork e i suoi competitors diretti riguarda l’osservazione di SoftBank (tramite il suo vision found e del suo portfolio di investimenti, nel quale rientrano società come Uber, Blockchain o altre società categorizzate come “società tech”). In teoria però una società tech ha già in partenza un potenzialebacino di 7.7 miliardi di utenti non richiedendo infrastrutture fisiche o finanziamenti ingenti per lo svolgimento delle proprie attività. Cosa rende, quindi, WeWork una società tech piuttosto che una semplice società immobiliare? WeWork può essere ritenuta tale in base al suo immenso potenziale in materia di raccolta dei dati. Tutte le attività collaterali incluse nel brand possono risultare un’enorme fonte di dati per analisi statistiche da parte di altre società. Dati quale l’utilizzo delle palestre messe a disposizione degli affiliati, i consumi nelle aree di ristorazione nei complessi messi a disposizione dei clienti, la richiesta di uffici singoli piuttosto che di sale conferenza, etc… Tutto ciò è caratterizzato da un’ampia distribuzione territoriale e, di conseguenza, da un campione davvero molto vario.

Di Antonello Luongo / Leukos

Leukos

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *